L’olio appena franto viene messo in delle cisterne in acciaio inox. Alcune di esse sono sotto azoto dove teniamo l’olio che viene consumato più tardivamente al fine di trovarlo con i soliti profumi e le solite caratteristiche di quando l’abbiamo franto. I locali sono dotati di impianto di climatizzazione in modo da avere una temperatura costante di 16-18°, l’ideale per conservare l’olio extravergine di oliva. Imbottigliamo mano a mano che riceviamo gli ordini pescando direttamente dai silos chiusi in modo da non avere contatto con l’ossigeno.